Perchè quattro case famiglia - www.ilvolodellagabbianella.org

Vai ai contenuti

Menu principale:

Perchè quattro case famiglia

CASE FAMIGLIA

Siamo partiti con una e adesso sono quattro: perché?
Intanto se “Two is meglio che one”, come recita una vecchia pubblicità, figuriamoci quattro.
Quando parecchi anni (oltre dieci anni) fa Graziella e Ciro si sono messi in testa di fare casa famiglia non sapevano minimamente da quale parte cominciare: nessuna delle persone o delle istituzioni interpellate pareva essere in grado di dare risposte chiarificatrici alle loro domande. A quel tempo non esisteva ancora la legge regionale n° che avrebbe in seguito regolamentato questo tema. Anzi, allora non avremmo mai immaginato che anche noi avremmo dato il nostro contribuito alla formulazione di quella legge due anni dopo. Unica via praticabile in quel momento fu calarsi nell’esperienza diretta. Le difficoltà erano mille, da quelle burocratiche a quelle logistiche a quelle di gestione e di acquisizione delle competenze necessarie.
Quanta strada abbiamo fatto in questi anni e quanta fatica per realizzare, capire, evolvere, adeguarsi, formarsi, ecc. Quante cadute, quanti errori, quante sottovalutazioni, inevitabili eventi dolorosi ma necessari per crescere, per comprendere, per aprire una pista in un territorio inesplorato e sconosciuto.
Questo enorme bagaglio di esperienza e di competenza acquisito, non solo da noi due ma dall’intero entourage de il “Volo della Gabbianella”, abbiamo ritenuto che fosse giusto metterlo a disposizione di chi, come Ciro e Graziella a suo tempo, oggi desideri intraprendere lo stesso percorso senza dovere necessariamente affrontare le stesse innumerevoli difficoltà. Una coppia che desidera accogliere nella propria famiglia bambini e ragazzi che hanno bisogno di qualcuno che si occupi di loro è una risorsa rara e preziosa che non può e non deve essere lasciata sola, ma sostenuta, formata ed accompagnata. Non deve combattere contro mille problemi burocratici, non deve affrontare questioni che possono apparire a volte quasi insormontabili, non deve trovarsi senza punti di riferimento forti e chiari nel percorrere il cammino che li aspetta.
Ecco perché dopo “La Gabbianella” e “Il Melograno” sotto l’ala protettiva de “Il Volo della Gabbianella” si sono aggiunte anche “La Casa dell’Emanuele” e “Casa Bea”. Perché noi tutti vogliamo essere CON loro e PER loro, quadruplicando il nostro valore aggiunto sul tema dell’accoglienza ai minori: “la famiglia”.

Graziella e Ciro

 
Torna ai contenuti | Torna al menu